Apprendistato: Incentiviamo ancora

apprendistato

E per continuare in tema di incentivi e riforme legislative parliamo anche di un altro istituto riformulato dalla Legge n.115/2017: l’apprendistato.

Chi può essere assunto in apprendistato?:

1)giovani di età compresa tra 16 e 30 anni   2)inoccupati da tre mesi (continuati)  3)lavoratori disoccupati (persone iscritte alle liste di avviamento al lavoro che abbiano dato disponibilità per lavoro a tempo pieno e tempo parziale) che cambiano o l’attività lavorativa precedentemente svolta o la mansione in base al titolo di studio posseduto.

L’assunzione in apprendistato è a tempo indeterminato, e la sua durata è legata alla categoria di assunzione:

2 categoria: 6 mesi / 3 categoria: 12 mesi  (può essere prorrogato per altri 6 mesi) / 4 categoria: 24 mesi (può essere prorrogato per altri 12 mesi)

Quanto prende un apprendista? considerato il minor rendimento, il datore di lavoro corrisponde compensi mensili pari a:

I semestre: 70% della retribuzione corrispondente alla qualifica

II semestre: 75% della retribuzione

2° anno : 80% della retribuzione

3° anno: 90% della retribuzione

Il datore di lavoro, oltre a pagare retribuzioni più basse per un periodo di tempo, gode di uno sgravio contributivo del 50% per tutta la durata del programma formativo. Se invece la azienda dovesse assumere coloro che hanno svolto un corso di formazione di 1 o di 2 livello presso il Centro di Formazione Professionale gode di uno sgravio contributivo del 100%.

Ulteriori disposizioni:

  • affiancamento di un tutor
  • obbligo di non adibire l’apprendista a mansioni non attinenti il programma di formazione
  • al termine del programma c’è l’obbligo di comunicare all’apprendista le mansioni acquisite

 

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.