Dimissioni in bianco: nuove tutele

dimissioni
p.l.

Con la Legge N.209 del 27 novembre 2014, entrata in vigore il 25 febbraio 2015, si vuole contrastare il fenomeno delle dimissioni in bianco, e cioè la predisposizione, la conservazione e l’utilizzo delle dimissioni in bianco da parte dei datori di lavoro. Si tratta di una pratica illegale ma, a quanto pare, molto diffusa: fare firmare al dipendente una lettera di dimissioni contemporaneamente all’assunzione.

La tutela  prevista dalla Legge 209 è data a tutti i lavoratori, ma particolarmente vengono messi in evidenza lavoratrici e lavoratori con figli fino al terzo anno di età o figli disabili.

La normativa prevede che nel caso di dimissioni o di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, spetta alla lavoratrice o al lavoratore l’onere di recarsi personalmente all’Ufficio del Lavoro e sottoscrivere il modulo di cessazione volontaria del rapporto di lavoro. In caso di risoluzione consensuale il lavoratore si presenta all’Ufficio del Lavoro con il modulo già firmato dal datore di lavoro. Questo modulo sostituisce la comunicazione obbligatoria dell’interruzione del rapporto di lavoro prevista dalla “Legge sul Collocamento”. L’Ufficio del Lavoro rilascia copia del modulo sottoscritto al lavoratore o lavoratrice, e provvede a trasmettere copia dal datore di lavoro.

 

 

 

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.